(Auto)Pubblico

Mi avventuro a diventare un Autore Indipendente.

Dalla platea, per favore non sorridete, non esprimete giudizi prima di sentire le mie parole.

Già, devo essere il solito “genio incompreso che crede che l’autopubblicazione è democratica e l’editoria a pagamento è una via alternativa alle raccomandazioni.”

Non credo di essere incompreso, anche perché non sono un genio della scrittura. Scrivo e spero di piacere anche ai lettori esigenti. Poi si vedrà o meglio si leggerà.

E non pubblico con una casa editrice a pagamento (EditriceAPagamento – EAP), e questo per scelta.

Le EAP non fanno un buon servizio all’editoria e alla letteratura in genere. Creare illusione per aver pubblicato con tanto di firma editoriale facendo sborsare denaro per un libro che non sempre ha avuto un controllo di editing e di bozze, utile e a volte necessario. Non parliamo della distribuzione.

L’importanza dell’esistenza delle Case Editrici credo debba essere sempre quello di selezionare la qualità delle storie e della scrittura. Ma alcune Case editrici dando troppo valore all’aspetto commerciale del libro si sono inserite in scelte che svalutano la pubblicazione “ufficiale”.

Alcune case editrici diventando anche distributori e commercianti dei propri libri hanno, di fatto, soffocato la piccola editoria, quella di genere e di qualità, che in ogni modo cerca di trovare il suo spazio, anche cercando giovani e capaci promesse oppure con traduzioni di libri che provengono da altre nazioni, soprattutto di paesi la cui letteratura è poco nota.

“Allora pubblichi in digitale (ebook) così costa tutto meno e si fa tutto su un PC.”

Pubblicherò anche in ebook solo perché è un altro contenitore – ebook reader – che la tecnologia ci offre.

Ho deciso di pubblicare (libro e ebook) con una piattaforma di PrintOnDemand: Youcanprint. Le motivazioni e il giudizio in un futuro post.

Credo che il mio romanzo abbia motivazioni diverse che hanno condizionato la scelta di non pubblicazioni. Alcune? Commerciabilità, il periodo storico-politico di sfondo (anni ’70 e il terrorismo); forse nei primi invii un po’ d’incuria nei controlli del testo. In realtà i giudizi positivi ci sono stati, però i due motivi indicati sembra che siano il comune denominatore.

Perciò (Auto)Pubblico per confrontarmi con i lettori e anche con i critici. Organizzerò presentazioni in modo che si possa parlare della storia che racconto – un’amicizia che dura nel tempo nonostante tutto – dando spazio, se richiesto, all’argomento “scottante”: gli anni settanta .

Penso che il romanziere possa occupare lo spazio che lo storico ancora non può scrivere e che il politico rifiuta di parlarne nella sua completezza. I misteri e la diversità della realtà italiana hanno motivazioni. Quindi racconto di uomini e donne – della loro amicizia – che quella storia (anni ’70), non completamente detta in verità, hanno vissuto.

Il mio lavoro è alle stampe; dopo valutazioni che considero adeguate, ho valutato che fosse idoneo alla pubblicazione. E senza pensare che sia un’opera incompresa.

Credo di aver scritto una storia di amici, interessante e che possa anche far riflettere, ma non basta stampare pubblicare e basta; il mio romanzo ha vissuto un lavoro coscienzioso di editig professionale e di controllo bozze; appunto, in ogni modo il lettore va rispettato.

Poi, sarà il lettore a esprimere il giudizio.

Questo post nasce non solo per rispondere alle perplessità di alcuni amici ma per dare risposta al post “Moccia e Volo sono gli alibi preferiti degli scrittori esordienti” del blog “L’albero di Canphora“.

Ma diamo una risposta a ciascun punto del post su indicato:

1 – D’accordo sulla riflessione fatta.

2 – “perché un editore che si trova tra le mani un buon libro non dovrebbe pubblicarlo? Perché non è commerciale? E lo pensano tutti e 2000 gli editori presenti sul territorio italiano?” E qui sta il punto, dopo averlo inviato a un numero significativo (60 vanno bene? È poco?) con costi e tempi notevoli, cosa si deve fare? Aspettare e provare ancora con altri. Sono d’accordo, questo se ci sono stati segnali positivi. Infatti non demordo. La verità è che questo numero significativo di CE – che poi scopri che alcune sono a pagamento EPA – ti fanno entrare in un giro vizioso dove anche la casualità è parte vincente. Meglio mollare.

3 – D’accordo sulla riflessione fatta.

4 – Non ho letto Moccia e Volo perciò, anche se mi fido dei giudizi critici seri, credo che abbiano un loro spazio per esistere, o per lo meno così hanno deciso le case editrici. Perciò non sono per me un alibi. Io scrivo altro, e se dovessi pubblicare con una casa editrice anche importante so che ciò non mi farà in ogni modo ricco. E se dovessi avere giudizi severamente negativi sul mio lavoro perché pubblicare? Allora rinnegherei le motivazioni della mia scrittura. Meglio non scrivere più. Al lettore l’ardua sentenza.

5 – D’accordo sulla riflessione fatta. Credo che quasi tutti gli editori, cui ho inviato il manoscritto, abbiano letto il mio lavoro. Una casa importante mi ha risposto con un giudizio positivo, anche se lo hanno considerato non adeguato al loro attuale piano editoriale (insomma, non commerciabile). C’è anche l’elemento casualità, momento economico-commerciale, l’argomento preferito del momento, la storia personale dell’autore ecc. che possano incidere nella scelta per una lettura che porti alla scelta finale. La mia storia è inventata e verosimile; e se fosse realmente accaduta e io fossi stato uno dei miei personaggi e noti alla cronaca, sarebbe stata preferita?

6 – D’accordo sulla riflessione fatta.

7 – D’accordo sulla riflessione fatta.

Quindi esordiente… che (Auto)Pubblico.

3 pensieri su “(Auto)Pubblico

  1. Ciao, intanto ti ringrazio molto per avermi letta e sono molto contenta che il mio post abbia suscitato delle reazioni costruttive.
    Voglio precisare una cosa: io non ha NIENTE contro l’autopubblicazione. Non sono d’accordo nemmeno con chi dice che l’autopubblicazione affosserà gli editori. Sono critica verso coloro che si autopubblicano senza capire che non puoi far comprare una cosa a una persona senza metterci una certa cura perché essere editori di se stessi vuol dire far per se stessi TUTTO quello che farebbe un editore per un libro che pubblica.
    Detto questo rispondo alle tue considerazioni.

    2) Lo so che i tempi di una CE sono stressanti per chi scrive. Significa stare fermi anni. Ti dico solo che una persona che conosco ha avuto una risposta da Marsilio dopo UN ANNO E MEZZO dall’invio e la pubblicazione dopo un altro anno e mezzo. In totale fanno tre anni. Se vuoi il mio parere 60 case editrici sono troppe. Semplicemente devi imparare a selezionarle meglio. Non è detto che funzioni, ma forse hai avuto solo sfortuna. In ogni caso, l’autopubblicazione è un esperimento che va fatto, così capisci anche come rapportarti col lettore.

    4) Secondo me dei giudizi negativi potrebbero scoraggiarti a pubblicare QUEL libro lì, ma non a scrivere né a pubblicare. I giudizi negativi servono a crescere, sia quelli degli editori che dei lettori. Alla fine solo loro i tuoi interlocutori più diretti. I NO non sono mai a te, ma a quello che hai scritto. Ti do un consiglio che hanno dato anche a me: so che è difficile ma non fissarti su un solo libro. I libri si possono anche rimettere nel cassetto per poi pensare a un’altra storia.

    5) Non posso parlare per tutti gli editori, parlo per me. A me della storia dell’autore frega niente. Se una storia mi piace e risponde ai criteri di pubblicazione della mia casa editrice (o dei miei gusti di lettrice, dipende dal contesto) bene. Altrimenti male, ma male per me. Il resto del mondo magari la pensa diversamente.

    Io spero, qualunque sia la tua decisione, di non averti scoraggiato né col post né con questo commento. Se pensi di avere una buona storia da raccontare tu raccontala. E poi commerciale o non commerciale qualcosa succederà. Magari poco, ma succederà. E se non succede niente, poco male. Ci si riprova.
    Alla fine l’importante è avere una storia da raccontare.

    1. Ciao,
      mi fa piacere che tu abbia compreso il mio post e che ci sia una discussione che possa far riflettere, me che ho deciso di autopubblicare e chiunque abbia rapporti o lavori con CE. Io ho avuto una risposta e un giudizio da una casa editrice media e importante “il suo romanzo è indubbiamente degno di nota, sia per il tema trattato, sia per la sobrietà dello stile” … però (insomma non interessava… legittimo)
      Anche un agente letterario, interessato al mio libro, del mestiere, con buoni autori, ha provato a “piazzarlo” ma le CE contattate non erano interessate anche se è piaciuto.
      Allora chiamo una editor, conosciuta in laboratorio di scrittura, le do l’incarico dell’editing e con l’aiuto di un’amica traduttrice e con esperienza di correzione di bozze ho avviato la produzione: editore di me stesso. La copertina è stata fatta da me confrontandomi con occhi professionali, ed ecco arrivato alla fine.
      Ora spetta ai lettori il giudizio estremo.
      Inoltre ho incontrato su internet una scrittrice – Cetta De Luca – che ha avuto l’idea di andare in fiera PiùLçibriPiùLiberi, come autori indipendenti, insieme ad altri operatori indipendenti del mondo dell’editoria, e così è nato un momento di aggregazione “No Brand Art”.

      Non mi fermo a questo romanzo. Sto scrivendo un nuovo romanzo, un altro è in embrione. Inoltre scrivo racconti; sul sito ce ne sono tre già resi pubblici.

I commenti sono chiusi.